Lettori fissi

venerdì 29 gennaio 2016

Challenge LGS 2016: Un libro di almeno 400 pagine, Nord e sue di Elisabeth Gaskell

 
 
Descrizione 
 
Nord e Sud, a indicare due estremi in contrasto, fu il titolo voluto dall’ editore, non quello pensato da Elizabeth Gaskell, che sul frontespizio immaginava il nome della sua eroina, Margaret Hale. Sono le due polarità geografiche e la maturazione della protagonista a fornire i temi cardine del romanzo: Margaret, trasferitasi da Helstone, fiabesco villaggio del Sud, a Milton-Northern, popolosa città manifatturiera del Nord, si trova bruscamente immessa nel mondo nuovo, e per molti aspetti irriconoscibile, prodotto dall’industrializzazione. La famiglia Hale, che coltiva valori tradizionali, è totalmente estranea alla frenetica vita del centro industriale in piena espansione, alla nascente lotta di classe fra padroni e operai, all’inquinamento e al degrado sociale. Eppure Margaret stringe presto amicizia con Bessy Higgins, una ragazza ammalatasi per le pessime condizioni di lavoro in fabbrica, e con il padre Nicholas, sindacalista impegnato attivamente nel movimento operaio: prendendo a cuore la famiglia, inizia a nutrire curiosità e interessi fino a quel momento sconosciuti. Subito complesso si rivela, invece, il rapporto con John Thornton, allievo del signor Hale e padrone di uno dei più importanti cotonifici di Milton: Margaret è combattuta tra l’ammirazione per l’uomo che si è fatto da solo, contando unicamente sulle proprie capacità, e l’ostilità per l’industriale che, a suo giudizio, è responsabile delle misere condizioni di vita dei suoi operai. Attraverso l’occhio di un’ anima incorrotta, Elizabeth Gaskell rappresenta così la corruzione dei tempi nuovi, e non li condanna. Anzi auspica soluzioni che sintetizzino i due opposti, la vita arcaica e quella moderna, in modo che la prima dia contenuto alla seconda. Grazie al vissuto doloroso, suo e dell’ambiente soffocato che la circonda, la sua eroina acquisisce identità, supera i pregiudizi e apprende una nuova etica, incarnando la ‘congiunzione’ fra passato e futuro, fra uomini e donne, fra padroni e operai. Fra Nord e Sud.”
 
Recensione

Libro in alcuni tratti noioso e prolisso per i miei gusti, ci regala un interessante spaccato dell'Inghilterra dell' Ottocento.
Attraverso la figura femminile di Margaret assistiamo allo scontro di due modi di vivere completamente diversi.
Il sd dell'Inghilterra è verde e rigoglioso, l'aria è pulita, la vita scorre con tranquillità, si passeggia volentieri sui sentieri che attraversano i boschi e tutti sembrano felici..
il nord invece è grigio e fumoso, gli operai sono costretti a lavorare in condizioni disumane nelle fabbriche rischiando ogni giorno di ammalarsi e morire.
E Margaret purtroppo, cresciuta al sud, è costretta a trasferirsi al nord per motivi familiari.
L'impatto è devastante, ma con la sua forza d'animo riuscirà a reagire, a farsi nuovi amici e alla fine a vincere anche i suoi pregiudizi nei confronti di un industriale di Milton (la città in cui si è trasferita) che all'inizio considera privo di scrupoli seza rendersi conto di come sappia anche essere buono e generoso con le persone che gli stanno a cuore.
Quando in seguito a vicessitudini familiari tristi e dolorose tornerà nel sud dell'Inghilterra si renderà conto di come ogni luogo possa avere i propri pregi e i propri difetti, allora inizierà a provare una sorta di nostalgia per Milton, soprattutto perchè la sua vita a Londra con la zia e la cugina, dopo essere stata al nord , le sembra noisa e priva di interesse.
A questo punto saprà reagire con forza e determinazione, dando un nuovo scopo alla propria vita e lasciandosi anche andare ad un sentimento per lei del tutto nuovo e sconosciuto.

1 commento:

Aldina ha detto...

un libro stupendo ^.^