Lettori fissi

lunedì 30 maggio 2016

la lista dei miei desideri di Lori Nelson Spielman, challenge LGS 2016, libro super bonus

 
Descrizione
 
A trentaquattro anni, Brett Bohlinger ha tutto quello che vuole: un lavoro invidiabile nell'azienda di famiglia, un loft molto trendy, un fidanzato irresistibile e una mamma affettuosissima che è anche la sua migliore amica. Perciò, quando l'adorata madre Elizabeth muore, Brett è devastata per aver perso il suo punto di riferimento. E il dolore si trasforma in rabbia nel momento in cui si ritrova anche con un pugno di mosche. Perché alla lettura del testamento, invece di nominarla nuova amministratrice della Bohlinger Cosmetici, Elizabeth le lascia soltanto una lettera. Ed è una lettera strana, che la esorta a riconsiderare la sua vita, partendo dalla "lista dei desideri" che aveva stilato da ragazzina, vent'anni prima. Solo se nell'arco di un anno realizzerà tutti gli obiettivi di allora - innamorarsi, salvare il mondo, essere felice, desideri semplici e assoluti al contempo - riceverà la sua eredità. Inizialmente riluttante, a Brett non resta che seguire le istruzioni materne: mese dopo mese, ogni volta che Brett spunta una voce della lista, riceve dal notaio una nuova lettera della mamma. Affettuosa, comprensiva, protettiva e piena di una fiducia senza riserve. Come una carezza che la spinge, fra una lacrima e un sorriso, a non mollare e ad aprirsi al domani. A scoprire l'affetto di una famiglia vera e a esplorare il terreno dei sentimenti più teneri. Perché la vita è fatta per essere vissuta, sempre.
 
Recensione
 
E' un libro che ho letto tutto d'un fiato. La scrittura è scorrevole, il linguaggio semplice, a tratti anche divertente, ma la storia...
Si sa che le madri per natura vogliono la felicità dei propri figli, ma arrivare al punto di lasciare alla sua morte la figlia senza soldi e senza lavoro per poterle permettere di raggiungerla mi è sembrato un po' eccessivo.
 
Meno male che Brett la nostra protagonista, non si abbatte, riesce a reagire e a completare passo dopo passo una lista di desideri compilata anni prima e trovata nel cestino dei rifiuti dalla madre.
Certo un anno di tempo per farlo è un po' poco e la strada da percorrere non è certo semplice, ma la forza e la caparbietà che ci mette sono immense anche quando incontra qualche ostacolo, come un fidanzato assurdo che probabilmente sta con lei solo per i soldi, un fratello maggiore piuttosto egoista e rognosetto, alunni impossibili da gestire e amiche particolari.
 
Naturalmente a lista completata la sua vita sarà meravigliosa, con un nuovo fidanzato dolce e premuroso, ma le insidie comunque sono sono così tante che mi chiedo se sua madre fosse nel pieno delle sue facoltà mentali al momento della stesura del testamento per decidere di spingere la sua unica figlia femmina ad intraprendere un cammino del genere.
 
Alla fine il libro è anche commovente, ma il mio brutto vizio di immedesimarmi troppo in quello che leggo mi ha portato a chiedermi cosa avrei fatto io al suo posto. E naturalmente  non sono riuscita a darmi una risposta plausibile. Forse sarei riuscita a realizzare qualche desiderio, sicuramente non tutti e a quel punto sì che mi sarei ritrovata in un mare di guai!

Nessun commento: