Lettori fissi

lunedì 13 settembre 2010

Gruppo di lettura

Siamo finalmente arrivati alla prima tappa della lettura del libro "La timidezza delle rose." Il commento che trovate di seguito riguarda le pagine 1-84.

Del libro mi hanno colpito due particolari. Il primo è la separazione forzata delle gemelle e il secondo è il modo di vivere di Diana che, per compiacere le persone che le stanno accanto ha totalmente rinunciato ai suoi sogni perchè non vuole diventare "oggetto di pettegolezzi", una ragazza "sfortunata, un tempo simbolo dei giovani della città, una che era finita col diventare una scrittrice di cui nessuno leggeva i libri", una giovane donna che non poteva parlare neanche dei suoi sogni e delle sue speranze perchè veniva subito giudicata e sommersa di consigli: tutti sapevano cosa doveva fare tranne lei. Diana è l'opposto del pittore, che ha lasciato tutto ciò che era sicuro nella sua vita per dipingere e inseguire il volo di un gabbiano, e se all'inizio Diana non accoglie l'invito della madre a cercare la sorella, alla fine sembra quasi l'ideale per sfuggire alla vita assurda che conduce e per mantenere vivo il ricordo della madre, quasi che il legame con lei dipenda solo dalla sorella.

2 commenti:

Eri ha detto...

Che partecipanti fantastiche!!! stiamo sperimentando un arricchimento particolare ma sopratutto si sta creando uno splendido gruppo!!! Siete sempre le benvenute nel salotto di Bryce's House! Baci!

cuori e perline ha detto...

Bello il tuo commento, Laura! Hai saputo cogliere aspetti che non ho notato... probabilmente perchè lo sto leggendo un pò prevenuta, non riesco a vedere oltre l'assurdità dei personaggi...il mendicante per esempio... non ce la faccio proprioad essere obiettiva e "leggere" in ogni personaggio aspetti nascosti... grazie!
Annamaria